• Ambiente

    Ambiente

    Environment

  • Agricoltura

    Agricoltura

    Agriculture

  • Salute

    Salute

    Health

  • Diritti Umani

    Diritti Umani

    Human Rights

  • Nutrizione

    Nutrizione

    Nutrition

icone agricol

icone NUTR

icone salute

icone DIRITTI

icone ambiente

icone VIDEO

Agricoltura

Recensione: Ecologia forestale

ECOLOGIA FORESTALE

di M. Paci, Edagricole, 2004, pp. 310, 161 ill.ni, Euro 39,50


Pur essendo un manuale universitario di indubbia eccellenza nel panorama editoriale italiano per la competenza accademica e professionale dei contributi offerta nei vari capitoli, questo volume si apre a tutti coloro che hanno a cuore le sorti della biodiversità. Esso fornisce le fondamenta per la comprensione, nel micro, della fisiologia dell’albero e ,nel macro, del complesso percorso gerarchico che dall’individuo porta alla comunità vivente, all’ecosistema e al paesaggio.

La conoscenza delle strutture e funzionamento dei sistemi forestali è elemento indispensabile per una corretta gestione degli stessi ma apre anche una finestra sulle interelazioni che esistono tra sistemi interagenti come sono foreste, campi coltivati, incolti, pascoli, fiumi, laghi e centri abitati.

E tutto ciò ci auguriamo possa insegnarci a gestire meglio questo enorme patrimonio che la natura ci mette a disposizione gratuitamente.

 

Stampa

Recensione: Cereali in coltivazione biologica

CEREALI IN COLTIVAZIONE BIOLOGICA

A cura del Centro Divulgazione Agricola, Edagricole, 2004, pp. 72 Euro 8,90


Si tratta di una guida pratica ai principali cereali autunno-vernini (frumento, orzo, farro, avena, segale, triticale) che, tramite adeguate tecniche proprie dell’agricoltura biologica, possono ottenere standard produttivi interessanti e, spesso, superiori alle colture convenzionali sotto il profilo qualitativo.

Questo vademecum, curato da Maria Carla Cera per il Centro Divulgazione Agricola della provincia di Bologna, offre una esposizione sintetica ma chiara ed esauriente della “filosofia” che sta dietro il metodo biologico: la prevenzione.

In campo agronomico (e, direi, non solo in questo…) sono pressoché nulli gli strumenti a disposizione per correggere un eventuale errore di impostazione di una coltura: a tal fine il manuale offre anche al neofita un panorama degli aspetti dell’agroecosistema che devono essere attentamente esaminati dal tecnico o dal produttore prima di intraprendere la coltivazione biologica dei cereali, settore che sta riscuotendo un notevole interesse da parte del mercato.

Vengono così analizzate le varie tecniche a disposizione per impostare bene le colture fin dalla scelta dell’area di coltivazione in funzione delle caratteristiche podologiche e climatiche, per poi passare alle tecniche di semina, alle rotazioni, al mantenimento della fertilità del suolo come pure alla difesa dai parassiti e alla gestione della flora infestante.

Chiude il volume un interessante capitolo finale sulla panificazione del pane biologico e sulle sue varianti regionali, di particolare interesse per tutti coloro curiosi delle tradizioni gastronomiche locali.

 

Stampa

Recensione: Immissione in commercio del prodotto agroalimentare

IMMISSIONE IN COMMERCIO DEL PRODOTTO AGRO-ALIMENTARE

di G. Nicolini, G. Giappichelli Editore Torino, 2005, pp. 262, Euro 22,50


Il volume affronta il quadro normativo vigente nell’Unione europea in materia di alimenti e mangimi geneticamente modificati analizzando altresì il ruolo giuridico e le competenze in materia dell’Autorità europea per la sicurezza alimentare.

L’Autore, docente presso l’Università di Parma, procede ad un’analisi del regolamento 178/2002 sui principi generali della legislazione alimentare europea per poi passare ad esaminare in dettaglio il regolamento 1829/2003 che integra il precedente sui principi della legislazione alimentare e sostituisce, per questi aspetti specifici, la direttiva 18/2001 sull’impiego confinato e la commercializzazione del prodotto transgenico.

Il saggio propone poi un’analisi del procedimento per l’immissione in commercio di alimenti e mangimi geneticamente modificati, gli aspetti legati alla prevenzione del rischio ambientale (con particolare attenzione alla vigilanza e controllo della replicazione/diffusione degli OGM nell’ambiente) e il sistema sanzionatorio previsto dalle nuove normative europee.

 

Stampa

Recensione: Grano o grane?

GRANO O GRANE – La sfida OGM in Italia

a cura di L. Colombo, Manni Editori, 2006, pp. 236, Euro 16,00


L’annuncio della ormai prossima immissione in commercio in America di grano geneticamente modificato da parte di una società leader in campo agrobiotecnologico ha destato preoccupazione ed inquietudini fra operatori e consumatori di tutto il mondo. In Italia, in particolare, dove la filiera del frumento è centrale per la produzione di tanti nostri alimenti tipici (pane, pasta, pizza, prodotti di pasticceria, ecc.) ed il grano è elemento imprescindibile nella cultura e nella filosofia alimentare nazionale, il grano geneticamente modificato rischia di diventare problema destabilizzante per l’opinione pubblica e per un mondo politico di solito scientificamente inadeguato alla comprensione delle innovazioni tecnologiche.

Questo volume, promosso dal Consiglio dei Diritti Genetici (organizzazione scientifica e culturale volta ad analizzare in un’ottica multidisciplinare l’impatto sociale e ambientale nelle biotecnologie) prendendo spunto dal grano transgenico intende aprire lo sguardo del lettore sul mondo dei sistemi agroalimentari e dell’industria biotech, evidenziandone gli attori, i meccanismi, le dimensioni e le logiche.

 

Stampa

Recensione: Ogm - minaccia o speranza?

OGM: MINACCIA O SPERANZA?

a cura di G. Crepaldi e G. Miranda, Edizioni Art Roma, pp. 315, Euro 18,00


Questo volume raccoglie gli atti di un convegno promosso a novembre del 2003 dal Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace che ha visto confrontarsi scienziati e ministri, teologi e specialisti sul tema degli organismi geneticamente modificati e del loro impiego in agricoltura.

Ne deriva un volume che, pur ricco di dati, non consente di fornire una risposta univoca all’interrogativo posto nel titolo e che, come si evince dall’indice dei temi affrontati, spazia dalle problematiche dell’alimentazione mondiale al commercio internazionale, dalla sicurezza ambientale e sanitaria alle prospettive etiche secondo l’ottica cattolica.

In questo senso il testo è l’ultimo, in ordine cronologico, dei documenti riguardanti le biotecnologie pubblicati da un organismo della Santa Sede: nel 1999 la Pontificia Accademia per la Vita aveva pubblicato uno studio dettagliato su “Biotecnologie vegetali ed animali”, seguito poi nel 2001 da un rapporto su ”Le piante geneticamente modificate per la produzione di cibo” a cura della Pontificia Accademia delle Scienze.

 

Stampa

Recensione: La rivoluzione post-genomica

LA RIVOLUZIONE POST-GENOMICA - Manipolazioni geniche dell’uomo, degli animali e delle piante

di G. Mangiarotti, Ediz. Il Capitello Torino, 2005, pp. 384, Euro 24,00


Giorgio Mangiarotti è una poliedrica figura di scienziato a tutto tondo che riesce a fondere in questo volume la sua esperienza di biologo molecolare (ma al tempo stesso di medico, giornalista e soprattutto di professore universitario sia in USA che in Italia) affrontando un tema complesso, controverso e affascinante.

Ciò che caratterizza questo trattato è soprattutto l’informazione di “prima mano” che deriva dalla lunga frequentazione dell’autore con i massimi ricercatori americani ed internazionali, tra cui numerosi premi Nobel, con i quali ha collaborato alla nascita di un settore della biologia molecolare che ha rivoluzionato negli ultimi trent’anni la Biologia, la Medicina, l’Agraria e la Zootecnia a livello mondiale.

Un testo ad altissimo livello universitario quindi, ma che vuole anche farsi comprendere, con uno stile divulgativo originale, ad un pubblico non specialistico avido di conoscenze su temi scientifici in una società dove, troppo spesso, prevale un “pressappochismo” dell’informazione.

Stampa